Schermolux Illuminotecnica avanza sulla strada green: la mobilità sostenibile post-pandemia

  FIERA, Innovazione tecnologica, Mobilità sostenibile, NEWS & INTERVISTE, Oil&nonOil Verona 2021

L’amministratore delegato Giovanni Lucarelli parla dell’impegno profuso dall’azienda nello sviluppo di una divisione dedicata e di nuovi prodotti

Una divisione dedicata alla mobilità sostenibile e la volontà di contribuire alla ripresa di un settore che, forse più di altri, lo scorso anno ha fortemente risentito degli effetti della pandemia di Covid-19. È questa la prospettiva di Schermolux Illuminotecnica, azienda specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di insegne luminose, ma anche di colonnine di ricarica elettrica, lampade a led, prezziari elettronici e altri articoli per le stazioni di rifornimento.

“Come tutte le aziende anche noi, nel periodo Covid, abbiamo risentito della situazione, con un calo di ordini, ma soprattutto di un rallentamento dell’attività lavorativa”, racconta l’amministratore delegato Giovanni Lucarelli, sottolineando “il clima di incertezza” che ha costretto molti clienti a rallentare o rinviare gli investimenti. Una parabola, quella descritta dall’imprenditore, che inizia tuttavia a risalire dopo il mese di marzo, con una lenta ripresa del mercato e un rinnovato clima di fiducia legato all’avvio della campagna vaccinale. “Molti dei nostri clienti hanno ripreso a confermarci commesse e nuovi ordinativi, questo ci fa ben sperare in un anno (2021) di forte ripresa”, osserva Lucarelli.

È in questo quadro di rinnovata fiducia che Schermolux Illuminotecnica prosegue il suo impegno per la divisione Green Mobility, avviata prima della pandemia e alla quale sono legati alcuni dei progetti più innovativi dell’azienda brianzola. “La divisione Green Mobility è in fase di sviluppo e ci stiamo impegnando tanto sia economicamente che umanamente per promuovere e pubblicizzare i nostri prodotti, con un alto numero di progetti che ci fa ben sperare e credere in uno sviluppo importante di questa divisione”, spiega Lucarelli, per il quale l’approvazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) potrà essere uno strumento a supporto di una nuova spinta imprenditoriale. “Il tutto dipende dalla governance e dalla corretta gestione dei fondi”, sottolinea Lucarelli, per il quale i “notevoli investimenti” previsti in questo quadro sono certamente un potenziale positivo per le aziende – sia dal punto di vista tecnologico che ambientale -, “a patto che il tutto avvenga nel rispetto e organizzazione dei fondi”.

Come sottolineato in precedenza anche dal socio Antonio Fazio, co-amministratore delegato di Schermolux, appare ormai evidente che per il futuro la compagnia punti a un mondo “eco green”. Fra le iniziative sviluppate dall’azienda nell’ottica di questo cambio di paradigma c’è la nuova linea “Small”, che prevede di ridurre il costo finale del prodotto riciclando il materiale di costruzione e riducendo di conseguenza l’impatto ambientale. Sono inoltre state create nuove colonnine per la ricarica energetica di e-bike, moto e auto, in linea con la richiesta europea di ecocompatibilità, primo passo per la promozione di produzioni ad impatto ambientale sempre più ridotto.

Schermolux Illuminotecnica di Cavenago Brianza (Monza Brianza) opera dal 1957 sui mercati nazionali e internazionali delle insegne luminose come fornitore di importanti compagnie petrolifere e non solo. Il suo ampio catalogo comprende colonnine di ricarica elettrica, plafoniere e lampade a led, prezziari elettronici, pali e totem, insegne e display, elementi di arredo per piazzale come indicatori di prodotto per montanti pensilina, mobiletti porta Pos, carrelli contenitori ed espositori, colonne di aria o acqua, cartelli di apertura e chiusura.

Anche per questa edizione Schermolux Illuminotecnica è Silver Sponsor di Oil&nonOil.