Oil&nonOil 2022: si allarga il consenso e la partecipazione

 In Oil&nonOIl Verona 2022

Si sta allargando il range delle presenze e delle partecipazioni di nuove realtà verso OIL&nonOIl, in programma dal 16 al 18 novembre 2022 a Veronafiere.

Piemmeti Spa, la società di Veronafiere specializzata nell’organizzazione di manifestazioni tecniche e da quest’anno organizzatrice di Oil&nonOil, sta coinvolgendo con successo nuovi importanti opinion leaders e associazioni di categoria provenienti dal mondo portuale e marittimo, dal sistema stradale e autostradale, dal comparto dei trasporti dai grandi gruppi di trasportatori alle pmi, tutte realtà che hanno interessi diretti verso il mondo dei carburanti e delle stazioni di servizio che verranno ad affiancare nella tre giorni veronese i partner di categoria del sistema italiano dei carburanti, delle aziende petrolifere, dei carburanti alternativi ecologici e di tutte le aziende principali e i maggiori stakeholders della relativa filiera energetica.

La prima azione di comunicazione nazionale andata in onda su Radio24, la conferenza stampa di Roma di fine ottobre per presentare la manifestazione, la realizzazione di un evento espositivo triplicato rispetto alle ultime edizioni confermano il forte sostegno di Piemmeti per la visibilità di Oil&nonOil, che a partire dal 2023 avrà cadenza biennale, e di promozione per il comparto per rilanciare e sostenere l’attenzione sul tema economicamente sempre più vitale delle materie prime energetiche e dei carburanti.

TRANSIZIONE ECOLOGICA ma anche TRANSAZIONE DIGITALE

A OIL&nonOIL si parlerà di evoluzione continua dei trend e delle quotazioni del mercato, di tematiche della politica energetica nazionale, della gestione delle fasi principali dall’estrazione al trasporto fino alla distribuzione dei carburanti e delle stazioni di servizio, dello sviluppo di tutti i servizi complementari sempre più rilevanti e tecnologicamente avanzati e digitali partendo dall’autolavaggio per arrivare ai sistemi di pagamenti con transazioni digitali avanzate.

Forte attenzione anche ai numerosi temi “caldi” come la sterilizzazione delle accise, il credito d’imposta, la gestione delle energie rinnovabili, la nuova distribuzione logistica e relativa la comunicazione digitale interconnessa e gestita anche da remoto e rivolta ai propri clienti da parte delle stazioni di servizio.

Il mondo associativo e delle categorie produttive economiche – oltrechè delle aziende della filiera completa del sistema petrolifero e dei carburanti – stanno riconoscendo ad Oil&nonOil 2022 di essere tappa irrinunciabile sia come momento di business fieristico che per i forti contenuti convegnistici che a novembre toccheranno il loro apice di interesse, proprio nel pieno della stagione invernale con l’obiettivo in fiera di sostenere le attività e la visibilità del settore energetico dei carburanti, dei servizi per la mobilità e delle stazioni di servizio.