Oil&nonOil: per contrastare l’illegalità nel settore dei carburanti servono indagini e processi più rapidi e norme più chiare

  Carburanti, FIERA, Oil&nonOil Verona 2020

Il numero rilevante delle inchieste in corso e delle azioni penali promosse denunciano un fenomeno criminoso ancora ampiamente presente, consolidatosi negli anni e che coinvolge tutto il territorio nazionale. Il danno a livello erariale è stimato in 6 miliardi di euro per quanto riguarda l’Iva e in quasi 1,5 miliardi di euro per le accise

Le frodi fiscali restano un fenomeno particolarmente diffuso e profondamente radicato con ripercussioni lungo tutta la filiera del settore dei carburanti. Il numero rilevante di indagini in corso, le azioni penali promosse e la quantità di avvisi notificati denunciano un fenomeno criminoso che riguarda tutto il territorio nazionale con un danno stimato in 6 miliardi di euro per quanto riguarda le frodi sulla rete di distribuzione, pari a 2.389 milioni di litri nel 2018, per un tax gap sulle accise di 1,49 miliardi di euro. È questa la fotografia emersa nella seconda giornata del salone Oil&nonOil – Energie, Carburanti e Servizi per la Mobilità, organizzato da Veronafiere e Mirumir e in programma fino a domani. Sul tema delle frodi si sono confrontati esperti e associazioni di settore nel convegno “Illegalità: il punto sulle frodi e i rischi per chi compra”.

I partecipanti al convegno si sono trovati concordi nel riscontrare la necessità di norme più chiare, elastiche ed esaustive, ma anche l’urgenza di una modernizzazione del settore tramite strumenti tecnologici e digitali che consentano anzitutto di prevenire le frodi. In questo contesto rappresenta un passo in avanti, il nuovo strumento del Das (Documento di accompagnamento semplificato) elettronico o e-Das per la circolazione di benzina e gasolio usato come carburante assoggettati ad accisa il cui utilizzo è divenuto obbligatorio per gli operatori interessati.

Al convegno sono intervenuti: Roberto Galdi, dirigente dell’Ufficio Controlli Accise – Energie, alcoli e tabacchi, Direzione Antifrode e Controlli dell’Agenzia delle Dogane; Bonaventura Sorrentino, socio fondatore dello Studio legale Sorrentino Pasca Toma; Simone Canestrelli, vice presidente vicario di Assopetroli-Assoenergia, ed Eugenio Sbariggia, responsabile dell’Ufficio normativa tributaria unem – Unione Energie per la Mobilità.