Oil&nonOil, dal 21 al 23 ottobre la filiera dei carburanti si ritrova a Verona

  FIERA, Oil&nonOil Verona 2020

Prima rassegna in presenza per Veronafiere dopo il lockdown. Sicurezza di espositori e operatori garantita dal nuovo protocollo #safebusiness

A Veronafiere inizia il conto alla rovescia verso Oil&nonOil. La 15ª edizione del salone dedicato alla filiera dei carburanti e dei servizi per la mobilità è in programma dal 21 al 23 ottobre prossimi e inaugura la ripartenza in sicurezza delle manifestazioni fisiche nel quartiere fieristico veronese.

Sono oltre 60 le aziende espositrici ospitate nel padiglione 4, protagoniste di un evento che si caratterizza per essere fortemente specializzato e concentrato su business e formazione per gli operatori del settore.

A Oil&nonOil, infatti, oltre alla parte commerciale, tornano i convegni e i workshop sulle tendenze e l’evoluzione dei mercati dell’energia, per informarsi sugli ultimi sviluppi in fatto di ammodernamento della rete, ruolo tecnologia per la riduzione delle emissioni inquinanti, effetti del Green New Deal europeo su logistica e distribuzione, senza dimenticare le questioni normative legate al comparto.

L’offerta convegnistica della tre giorni prevede 12 appuntamenti. Si partirà il 21 ottobre con l’incontro dal titolo “Le nuove prospettive di razionalizzazione e ammodernamento della rete: la risoluzione de Toma”, a cui seguirà il convegno “Le chiusure delle stazioni di servizio e il ripristino ambientale”, a cura di Unione Energie per la Mobilità (unem). La stessa giornata prevede anche i convegni “Obiettivo emissioni zero: il ruolo dei carburanti e della tecnologia” curato da Assopetroli-Assoenergia, e “Innovazione tecnologica, hardware e e-DAS per la legalità e la qualità dei prodotti nell’era della digitalizzazione”, organizzato da Federazione Autotrasportatori Italiani (Fai) – Conftrasporto.

Il 22 ottobre sarà dato ampio spazio alla transizione energetica e alle sfide del settore petrolifero ed energetico con i convegni: “Green New Deal ed effetti sulla logistica e la distribuzione carburanti” a cura di Assopetroli-Assoenergia e Assocostieri; “Problematiche aperte nel settore petrolifero ed energetico” curato dello Studio legale Sorrentino Pasca Toma; “Invio telematico dei corrispettivi e dei registri di carico e scarico”, organizzato da Fortech Srl; “Responsabilità sociale, sostenibilità ambientale e sicurezza: il GNL per la ripartenza, guardando al futuro” a cura di Federchimica Assogasliquidi. Altro tema affrontato sarà quello delle frodi con il convegno “Illegalità: il punto sulle frodi e i rischi per chi compra”. La giornata si concluderà con i convegni “Smart working, come cambia la mobilità? Gli effetti sulla domanda di carburanti”, a cura di Quotidiano Energia, Gruppo Italia Energia Srl; “Idrogeno per i trasporti” organizzato da Mirumir Srl.

Infine la giornata conclusiva del 23 ottobre sarà incentrata sulle nuove forme di carburanti nei trasporti, con il convegno “Il ruolo strategico del biometano nei trasporti”, a cura di Assogasmetano e CIB-Consorzio Italiano Biogas.

«L’industria fieristica ha ricevuto il via libera anche nell’ultimo Dpcm del 13 ottobre, quindi con Oil&nonOil siamo pronti a ripartire – commenta Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere -. È il primo nostro evento business e in presenza dopo il lockdown, per questo abbiamo lavorato con professionalità per organizzare al meglio una rassegna che, in questo periodo di incertezza, fosse di supporto al settore e al contempo offrisse la massima sicurezza degli operatori».

Per Oil&nonOil è stato attivato il nuovo protocollo di prevenzione #safebusiness di Veronafiere, validato da istituzioni, autorità sanitarie e dall’Associazione esposizioni e fiere italiane (Aefi).
Le modalità di ingresso e movimento all’interno delle strutture sono state ridisegnate per garantire il distanziamento sociale e una rete intelligente di telecamere è in grado di individuare in tempo reale eventuali assembramenti e monitorare il corretto utilizzo dei DPI. Particolare attenzione viene poi riservata alla sanificazione degli ambienti e degli impianti di climatizzazione e nel corso delle manifestazioni sono sempre presenti presidi medici specializzati.