Oil&nonOil: conclusa la prima giornata del salone dedicato a energie, carburanti e servizi per la mobilità

  Carburanti, FIERA, Innovazione tecnologica, Mobilità sostenibile, Oil&nonOil Verona 2020

Maggiore efficienza della rete, sostenibilità ambientale e nuove impiego delle nuove tecnologie al centro della giornata inaugurale della 15ª edizione. Ampia la partecipazione nonostante le limitazioni dovute alla pandemia di Covid-19, grazie ad un nuovo modello integrato di fiera con parte espositiva in presenza e un programma convegnistico in diretta streaming

La razionalizzazione della rete di distribuzione dei carburanti, la sostenibilità ambientale e l’impiego delle nuove tecnologie per mantenere legalità e qualità dei prodotti. Sono stati questi i temi al centro della prima giornata della 15ª edizione del salone di Oil&nonOil – Energie, Carburanti & Servizi per la Mobilità, che fino al 23 ottobre vedrà impegnati a Veronafiere aziende, associazioni di categoria, istituzioni ed esperti in un confronto sul futuro del settore. Nonostante le limitazioni dovute alla pandemia Covid-19, la fiera ha visto la partecipazione di 60 aziende espositrici rappresentative dei vari settori merceologici legati al mondo delle stazioni di servizio: carburanti convenzionali e alternativi, impianti di rifornimento, stoccaggio e trasporto, sistemi di gestione e tutti i servizi collegati.

Il quartiere fieristico veronese, per la prima manifestazione allestita dopo il lockdown, ha lavorato a un modello integrato di fiera, con una parte espositiva in presenza e un programma convegnistico in diretta streaming che ha consentito ai partecipanti di discutere sui temi più importanti legati alla filiera dei carburanti.

La mattinata si è aperta con il convegno organizzato online dal titolo “Le nuove prospettive di razionalizzazione e ammodernamento della rete: la risoluzione de Toma”. Dall’evento è emersa la necessità di trovare un terreno comune tra operatori del settore e istituzioni per avviare una razionalizzazione della rete di distribuzione dei carburanti, con la definizione di criteri precisi che consentano una ridefinizione del comparto sfruttando gli strumenti già attivi, in particolare l’Anagrafe degli impianti di distribuzione dei carburanti, e la piena attuazione della Risoluzione de Toma. La giornata è proseguita con il convegno dal titolo “Le chiusure delle stazioni di servizio e il ripristino ambientale” che ha fatto il punto sulle tecnologie innovative per la bonifica degli impianti sullo stato delle normative ad oggi in vigore, a cui è seguito l’appuntamento dedicato al contributo della digitalizzazione nel settore affrontata nel panel “L’Innovazione tecnologica, hardware e e-DAS per la legalità e la qualità dei prodotti nell’era della digitalizzazione”.

La sicurezza sanitaria in fiera è garantita dal nuovo protocollo safebusiness di Veronafiere, validato dal Comitato tecnico-scientifico della Protezione civile, dalle autorità sanitarie e dall’Associazione esposizioni e fiere italiane (Aefi). L’organizzazione è in linea con l’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio, il Dpcm del 18 ottobre, che ha confermato il via libera alle manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale, ma limitato le attività congressuali alla modalità da remoto.