Oil&nonoil 2019: tutto esaurito a 100 giorni dall’avvio

  ARTICOLI

Un centinaio aziende ha già acquisito o opzionato tutto lo spazio disponibile nel Palazzo dei Congressi per la 14° edizione di Oil&nonoil (23-24 ottobre). Si lavora al programma di convegni, seminari e workshop. Nell’organizzazione degli incontri particolare attenzione è riservata ai temi dell’innovazione, dei nuovi carburanti e dello stato della rete.

Come i concerti delle star, anche Oil&nonoil, in programma il 23 e 24 ottobre, presso il Palazzo dei Congressi a Roma, ha praticamente esaurito tutti gli spazi.

Il risultato era atteso, perché già nella passata edizione romana del 2017, a un mese dall’apertura, si era formata una lista d’attesa. Quest’anno le adesioni e le opzioni registrate sinora sono state rapide e numerose. L’organizzazione sta valutando come accogliere almeno una parte delle richieste che stanno giungendo e che ancora giungeranno.

E’ prevedibile che, andando a scadere le opzioni in essere, alcune aziende libereranno posizioni che potranno essere assegnate a chi ora attende.

 

Andamento adesioni

L’81% dello spazio è stato assegnato a 70 aziende che hanno completato o stanno completando l’iter di iscrizione. Tra queste arrivano alcune esordienti e tornano anche tre società che, pur avendo partecipato a passate edizioni, avevano mancato quella del 2017. Per altre 30 aziende si sta sviluppando la trattativa. Si punta ad avere un centinaio di espositori, in linea con la passata edizione. Le aziende presenti nel 2017 hanno aumentato mediamente la superficie del 3%.

Come da tradizione delle edizioni Romane della manifestazione, la maggior parte delle aziende appartiene ai segmenti Oil e stoccaggio carburanti; sono in aumento le società che si occupano di Gnl (stazioni, erogazione) e al momento interessante la manifestazione di interesse da parte di aziende coinvolte nella mobilità elettrica.

Il piazzale di ingresso al Palazzo dei Congressi, poco utilizzato in passato, accoglierà una serie di mezzi per il trasporto dei carburanti e altre nuove proposte espositive.

Da segnalare maggiori richieste del mondo del lavaggio.

All’interno si lavora alla creazione di un’area che raccolga prodotti, progetti e ipotesi che rappresentino funzioni e configurazione della stazione di servizio adeguata ai cambiamenti sociali e della mobilità.

 

Formazione e informazione

Il confronto con le associazioni patrocinanti e con i media partner consente di individuare i grandi argomenti a cui dedicare convegni e seminari. Gli organizzatori lavorano sulla prima bozza del programma e raccolgono anche le richieste degli espositori che intendono proporre i loro workshop tecnici.

Anagrafe della rete, GNL e sue prospettive di sviluppo, evoluzione della stazione di servizio, biometano…sono solo alcuni dei temi che saranno approfonditi, cogliendo anche l’opportunità del confronto istituzionale, favorito dalla collocazione della manifestazione nella capitale e nell’”oil district” italiano.

 

Appuntamento esclusivo

Oil&nonoil si conferma appuntamento unico ed esclusivo per sua equilibrata miscela di innovazione tecnica, di confronto tra soluzioni ed esperienze e di occasione di dialogo per le società petrolifere verticalmente integrate e per i retisti che intendono rafforzare la loro funzione di forza che assume un ruolo crescente nel modernizzare la distribuzione e i servizi che la accompagnano