Assopetroli, Assotir, Cna-Fita e Confartigianato trasporti chiedono misure urgenti per contrasto aumento prezzo gas naturale

 In Carburanti, Innovazione tecnologica, Mobilità sostenibile, NEWS & INTERVISTE

In una lettera inviata ai ministri Cingolani, Franco, Giorgetti e Giovannini le Associazioni chiedono al governo di adottare misure urgenti per contrastare le criticità connesse all’aumento del prezzo del gas naturale per il settore dell’autotrasporto

Le associazioni Assopetroli-Assoenergia, Assotir (Associazione italiana imprese di trasporto), Cna-Fita (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa per le imprese di autotrasporto) e Confartigianato trasporti hanno chiesto al governo di adottare misure urgenti per contrastare le criticità connesse all’aumento del prezzo del gas naturale per il settore dell’autotrasporto. La richiesta è avvenuta tramite una lettera inviata ai ministri di Transizione ecologica, Economia, Sviluppo economico e Infrastrutture e mobilità sostenibili, rispettivamente Roberto Cingolani, Daniele Franco, Giancarlo Giorgetti ed Enrico Giovannini.

Secondo le Associazioni, il continuo aumento del prezzo del gas naturale sta producendo una significativa carenza sul mercato dell’additivo AdBlue, necessario per abbattere le emissioni inquinanti dei veicoli Euro 5 ed Euro 6. Le principali aziende produttrici hanno deciso di sospenderne la produzione per via dei prezzi elevati della materia prima. Per non rendere vani gli sforzi economici che le imprese di autotrasporto hanno sostenuto per adeguare i propri parchi veicolari a soluzioni più ecosostenibili, le quattro Associazioni hanno proposto al governo due crediti d’imposta temporanei: uno per l’acquisto di gas naturale impiegato per usi industriali, che garantirebbe un’immediata ripresa della produzione delle filiere industriali ad alta intensità di consumo di gas naturale e una distensione dei prezzi al consumo; l’altro per le aziende di autotrasporto in possesso di veicoli commerciali di categoria Euro 5 o superiore, che si trovano schiacciate dai rincari sia dell’energia all’ingrosso, sia dei carburanti al dettaglio.