Pubblichiamo una carrellata di pareri su Oil&nonoil raccolti tra gli espositori presenti a Verona. I giudizi e i suggerimenti di questi protagonisti e di coloro che non hanno risposto, ma con cui c’è un costruttivo confronto, sono essenziali per progettare il futuro della manifestazione. Ecco le risposte di Carlo Gavotto, Federico Barbati, Fabrizio Dallara, Alfredo Deluca, Maddalena Tanca, Alberto Kullovitz, Roberto Premazzi, Marianna Poffe, Claudio Robbiano, Gaetano Puccia, Alessandro Pasini, Massimo Negro.

 

Carlo Gavotto – Mix

Il parere sulla fiera è legato alla sola organizzazione, ma non ai frutti che la stessa fiera potrà dare, in quanto di questi ne possiamo parlare tra 4/6 mesi. L’organizzazione è stata all’altezza di quello che ci aspettavamo. Per quanto ci riguarda,  la presenza del mercato Italiano è stata superiore del 20% rispetto alla scorsa edizione di Verona.
Tre giorni di fiera sono perfetti.
Forse è mancata la presenza di operatori che esteri. Questo è un aspetto che va curato e sviluppato.


Federico Barbati – Responsabile Vendite Italia Gilbarco
Anche quest’anno la fiera Oil&nonoil si è dimostrata essere un importante strumento commerciale e di marketing per entrare in contatto diretto con gli operatori del settore e stimolare un confronto efficace e produttivo.
La fiera rappresenta una vetrina ideale per la proposta di nuovi prodotti e servizi, ma è senza dubbio anche un’ottima occasione per ottenere feedback da clienti e partner al fine di indirizzare al meglio gli investimenti, tenendo in piena considerazione i bisogni reali del mercato. A tale scopo, anche quest’anno, abbiamo optato per uno stand aperto, senza barriere di separazione e piuttosto ampio, con l’obiettivo di dimostrare accoglienza e disponibilità al confronto.
Per la nostra azienda la presenza a questo importante evento è inoltre fondamentale per il mantenimento della riconoscibilità del marchio, che vanta una storia di oltre 150 anni di solida presenza nell’industria di riferimento.


Fabrizio Dallara- Sacim
Siamo rimasti soddisfatti dell’evento, anche se rimane al momento una fiera nazionale. Buon afflusso di visitatori, di cui buona parte specialisti del settore.


Alfredo Deluca – A.D. Produzione

A.D. è  da sempre ha posto fiducia in questa manifestazione, che abbiamo appoggiato anche nei momenti difficili. Dopo questa edizione, esprimiamo un parere non soggettivo ma che ritengo condiviso  da tutti gli espositori:  è stato un appuntamento molto piacevole, con tanti clienti, per  un saluto una stretta di mano e in alcuni momenti di business. In conclusione: evento buono, anche se mi piacerebbe un padiglione più illuminato.


Maddalena Tanca-Emme Informatica
L’esperienza vissuta da Emme Informatica durante la manifestazione fieristica è stata molto positiva e fruttuosa. La vetrina offerta alle aziende da Oil&nonoil è prestigiosa e fondamentale
per operare al meglio nel settore della distribuzione carburanti.
Rinnoveremo la nostra partecipazione anche alla prossima edizione di Roma.


Alberto Kullovitz – Ceccato
La fiera è stata per Ceccato di grande soddisfazione. Oltre alla possibilità di incontrare tutte le maggiori reti di vendita carburante italiane abbiamo avuto la possibilità di presentare il nuovi brevetto per il lavaggio dei veicoli alti e il nuovo sistema di pagamento con riconoscimento delle targhe dei veicoli.
Complessivamente la partecipazione è stata superiore alle aspettative, in particolare nella giornata di mercoledì, con il vantaggio che tutto il pubblico è stato di ottima qualità e molto competente.
Anche la location, per facilità di accesso e posizione, ha contribuito molto al successo della manifestazione.


Roberto Premazzi– Res Data
Prima volta espositori a Oil&nonoil, primi personali nove mesi nel mondo del petrolio. Sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla qualità e quantità dei contatti avuti. Nelle tre giornate abbiamo avuto nello stand diversi possibili clienti, oltre ai clienti storici che comunque volevano “scoprire” i servizi e le soluzioni innovative presentate in anteprima (MiFatturo, la soluzione di Fatturazione Elettronica e Hintegro, servizi di piazzale e remotizzazione/gestione dei dati e del punto vendita che rilasceremo a breve, aprendo a ResData uno spazio nel mercato B2B2C e dei gestori).
Contesto positivo in generale e supporto da parte dell’organizzazione della fiera adeguato alle esigenze e necessità di chi come noi si affaccia a questo mercato. Non ho notato la stessa positività e interesse nei convegni, dove il pubblico era limitato, nonostante i temi toccati e i relatori di qualità presenti.


Marianna Poffe- Uta
Per noi l’edizione 2018 di Oil&nonoil è stata un successo. UTA nasce come carta di pagamento per i trasportatori (merci e persone), e ovviamente per noi è fondamentale garantire ai clienti una rete sempre più ampia di distributori e di servizi; per questo motivo ci siamo concentrati negli ultimi anni nella convenzione degli impianti cosiddetti “bianchi”. Oil&nonoil si è dimostrato un evento molto importante, permettendoci di entrare in contatto direttamente sia con le compagnie petrolifere, sia con i fornitori di terminali e software, per apprendere le novità del mercato e capire “che aria tira”.  I visitatori sono tutti del settore, per cui il bacino di utenti potenzialmente interessato ai nostri prodotti e servizi è molto ampio e qualificato; quest’anno, tra l’altro, ci hanno dato sicuramente una mano le novità  legislative nell’ambito dell’abolizione dei buoni carburante e dell’obbligo di fatturazione elettronica. I seminari sono, come sempre, fonte di informazioni e spunti interessanti.


Claudio Robbiano – Gruppo Gavio
Mi limito a esprimere  un giudizio positivo sul convegno Sicurezza e responsabilità condivisa nel trasporto dei carburanti a cui ho preso parte. Ho apprezzato molto l’incontro per il tipo di argomento (in linea con le aspettative di molte persone presenti) e per il perfetto mix di argomenti trattati dai vari specialisti presenti sul palco. Ho ricevuto altresì riscontri positivi anche nella fase successiva da parte di alcuni partecipanti presenti in platea.
In particolare mi hanno segnalato grande interesse per i temi trattati, per il tipo di organizzazione (moderatrice preparata, tempi e interventi ben pianificati, location adeguata) e in particolare per la chiarezza nell’esposizione di una materia non semplice da parte di tutti gli oratori interventi.


Gaetano Puccia -Intrapresa
Partecipiamo alla fiera Oil&nonoil dalla sua prima edizione e torniamo sempre volentieri perché è ormai il punto di riferimento in Italia per tutti gli operatori del settore.
L’evento non è solo l’occasione di incontro tra domanda e offerta di prodotti e servizi, ma anche un momento di condivisione delle tematiche di maggiore attualità tra tutti gli operatori, come ad esempio il tema molto sentito della fatturazione elettronica o quello un po’ meno discusso, ma non per questo meno importante, della Cybersecurity nella filiera della distribuzione carburanti.
Grande l’affluenza di visitatori qualificati al nostro stand e quindi possiamo ritenerci anche quest’anno più che soddisfatti. Arrivederci alla prossima edizione.

 


Alessandro Pasini –Bernardini
Il nostro giudizio su Oil&nonoil è assolutamente positivo. Abbiamo visto aumentare gli operatori del settore che hanno visitato il nostro stand (ed in generale la fiera) con un interesse particolare per il GNL (la vera novità dell’ultimo anno).
Tra le molte persone accorse nei tre giorni di fiera moltissimi i retisti del Sud (Campania, Puglia e Sicilia) questo nonostante la distanza che li separa da Verona.
Interessantissimi i convegni che hanno riscosso l’attenzione e il plauso dei visitatori.


Massimo Negro – Alkom Autocisterne
L’edizione 2018 di Oil&nonoil è stata per noi di Alkom Autocisterne molto positiva. Innanzitutto questa edizione ha visto in generale un buon riscontro in termini di visitatori, in particolare nelle prime due giornate, nonostante la cadenza infrasettimanale. Abbiamo portato in fiera alcune delle nostre ultime novità, sicuri che avrebbero attirato l’interesse sia degli esperti di settore che dei visitatori. Non ci sbagliavamo: abbiamo riscosso un grande interesse da parte di un pubblico preparato ed esigente, che ha potuto toccare con mano il frutto della nostra ricerca e innovazione nelcampo del trasporto di liquidi combustibili. E Oil&nonoil ancora una volta si è confermata un ottima piattaforma di lancio .


Alberto Chiodi – Keropetrol
Le fiere di settore come Oil&nonoil sono diventate sempre di più un’opportunità per avviare collaborazioni, per ampliare la propria clientela e, soprattutto, per farsi conoscere.Per Keropetrol è il secondo anno di partecipazione e ancora una volta questa collaborazione ha portato alla nostra società opportunità di sviluppo, di crescita allargando la propria rete attraverso nuove collaborazioni. Il secondo traguardo raggiunto da Keropetrol è stato quello di far conoscere attraverso la Ekomobil (società gruppo Keropetrol) le proprie innovazioni nel mercato dei carburanti alternativi: metano, GNL ed energia elettrica.