Ipotesi evolutive nella distribuzione dei carburanti

Le compagnie petrolifere, in forme diverse, stanno  abbandonando la rete distributiva per operare soltanto nell’up stream. I retisti, di diverse dimensioni e capacità, hanno iniziato a operare direttamente nel mercato con propri brand, nuovi e spesso sconosciuti. Seguendo il filo di una tradizione consolidata, Archigia ha avviato, in collaborazione con le cattedre di Tecnologia e gestione dell’Innovazione e  Management delle Imprese dell’Università della Sapienza di Roma, una indagine con l’obiettivo di analizzare attentamente la rete e avanzare proposte di rebranding, in grado di anticipare nel design le  future linee di comunicazione visiva.

La ricerca si è data l’obiettivo di rispondere ad alcune semplici domande, comuni tra i nuovi operatori delle rete:

Come differenziarsi dai competitor?

Come fare branding in un mercato da sempre governato da pochi, conosciuti operatori?

Quali leve possono essere utilizzate nella differenziazione dei punti vendita, costruendo consapevolezza e identità?

Come sviluppare in questo mercato un’esperienza di consumo più orientata all’omnicanalità?

Come ri-funzionalizzare le stazioni di servizio , mirando a coinvolgere maggiormente  i consumatori?

Al termine della illustrazione della ricerca  saranno premiati i tre lavori-proposta,  elaborati dagli studenti universitari e scelti da una giuria di esperti .

 

Relatori: Marina Barbanti (UP), Giorgio Chiantella (Archigia), Francesco Ricotta (Università La Sapienza di Roma)

Modera: Vincenzo Miglietta (Radio 24)