Gas naturale, al via un’iniziativa per ridurre i costi di trasformazione dei veicoli

  Carburanti, Mobilità sostenibile, NEWS & INTERVISTE

Il progetto è frutto di una collaborazione tra Assogasmetano ed Ecomotive Solutions e propone kit per l’aggiornamento del parco circolante più obsoleto e soluzioni per gli ibridi in sostituzione dei carburanti tradizionali

Un nuovo progetto punta a rilanciare e sviluppare l’uso del gas naturale per l’autotrazione rendendo disponibili dei kit per l’aggiornamento di veicoli circolanti appartenenti a classi di emissioni obsolete e soluzioni per veicoli ibridi in sostituzione dei carburanti tradizionali. A dare il via all’iniziativa sono Assogasmetano, l’Associazione nazionale imprese distributrici metano autotrazione, ed Ecomotive Solutions, azienda della provincia di Alessandria che opera nella progettazione e realizzazione di sistemi innovativi per l’uso dei carburanti alternativi.

Alla base di questa collaborazione c’è la convinzione che siano necessarie soluzioni immediate, praticabili ed efficaci per la sostenibilità dei trasporti e per il processo di decarbonizzazione. In particolare l’uso degli ibridi può diventare ancora più vantaggioso economicamente sfruttando la sinergia fra la trazione elettrica e il biometano, che può arrivare a un impatto zero o addirittura negativo in termini di emissioni di anidride carbonica equivalente.

Il progetto poggia anche sull’idea che per dare una nuova spinta al gas naturale debbano essere coinvolti i diversi attori della filiera, dalle stazioni di rifornimento alle associazioni di categoria, dalle concessionarie alle officine di installazione.

“La collaborazione con Ecomotive Solutions ci consente di mettere a punto delle proposte commerciali veramente competitive per ridurre al minimo i costi di trasformazione e di poter contare, allo stesso tempo, su di una rete di installatori altamente qualificati, in grado di offrire al cliente un servizio completo ed a costi standardizzati su tutto il territorio nazionale”, ha spiegato Flavio Merigo, il presidente di Assogasmetano, nel presentare l’iniziativa, auspicando che possa ricevere gli “opportuni incentivi” che sono stati proposti “nelle sedi opportune”.

“Abbiamo il dovere di sviluppare dei progetti che possano sostenere la grande opportunità che metano e biometano offrono per risolvere il problema della decarbonizzazione dei trasporti. Lo sviluppo continuo della rete distributiva, che oggi conta già 1.500 impianti, deve essere supportato da un analogo incremento del parco circolante a metano. La storia d’uso del gas naturale nel nostro Paese ha già dimostrato la valenza di questo carburante nella soluzione dei problemi legati ai costi della mobilità delle persone e delle merci con la contemporanea riduzione dell’impatto ambientale”, ha dichiarato Merigo.

“Ora ci attendono delle nuove sfide sia sotto il profilo tecnologico (come l’applicazione nei veicoli ibridi) sia sotto quello ambientale, assicurando la possibilità di utilizzare il biometano prodotto nelle vicinanze del punto di rifornimento allo scopo di azzerare del tutto la carbon footprint. Per questo motivo ci stiamo battendo affinché ai veicoli alimentati a biometano venga riconosciuto lo status di Zev (Zero Emission Vehicle)”, ha aggiunto il presidente di Assogasmetano.

Ecomotive Solutions si è unita al progetto con slancio: “In questa delicata fase di transizione tecnologica, riteniamo che la crescita della rete di distribuzione del metano debba essere seguita da una rete di validi professionisti dotati di prodotti all’avanguardia, sempre più semplici da gestire a partire dalla loro installazione e calibrazione. Sposiamo dunque con entusiasmo la proposta di Assogasmetano, con l’auspicio che questo format possa essere esteso anche ad altri enti che si adoperano per la promozione del metano: facendo massa critica, questo gas naturale potrà ottenere la giusta visibilità presso l’opinione pubblica, coinvolgendo la platea di professionisti sempre più esigenti”, ha affermato l’amministratore unico, Giovanni Deregibus.

Il manager ha sottolineato che l’iniziativa è del tutto coerente con la linea di Ecomotive: “Seguendo la nostra visione aziendale, non ci limitiamo a sviluppare un prodotto funzionale: la nostra tecnologia è il collante di una filiera virtuosa che coinvolge tutti coloro che abbiano reale interesse a fare squadra. L’Italia è un Paese ricco di tradizione e know-how sul tema del metano, risorsa eccezionale per offrire concretamente oggi, e non in un futuro ancora non definito, una soluzione di maggior salvaguardia dell’ambiente e risparmio economico. Con questo approccio pragmatico, rappresentiamo una risorsa preziosa per un mercato nel quale convivono la domanda di rinnovamento di veicoli già circolanti da tempo e quella più giovane – ma sempre più consistente – legata a veicoli più moderni e sofisticati”.