In occasione del settantesimo della fondazione di Federmetano, ritorna Metanauto. L’appuntamento è fissato per il 13 e il 14 novembre prossimo a Bologna, presso il Centro Congressi Auditorium, Fico Eataly World. Al centro dei due giorni di lavori e approfondimenti “Lng e biometano: studi, progetti e case History” e “Biometano, la nuova frontiera dell’ecosostenibilità”

 

Per celebrare il settantesimo della fondazione e analizzare le novità che riguardano il gas naturale per autotrazione, Federmetano uno degli storici patrocinatori di Oil&nonoil, rilancia Metanauto, l’evento che è stato per anni l’appuntamento degli operatori e delle aziende del settore.

La manifestazione è fissata per il 13 e il 14 novembre prossimo a Bologna, presso il Centro Congressi Auditorium, FICO Eataly World. I due giorni saranno l’occasione per un fitto confronto e dialogo tra istituzioni, Università e imprese sulle innovazioni che riguardano il metano per autotrazione e il suo utilizzo.

I lavori di Metanauto 2018 prenderanno in esame la filiera virtuosa del metano nelle sue diverse declinazioni, gassoso, liquido, biometano (gassoso e liquido) e indicheranno i canali di sviluppo e utilizzo del gas naturale.

Le parole chiave della 11^ edizione di Metanauto sono: ecosostenibilità, cultura, sostegno alle aziende, capacità di fare squadra.

Crediamo – dice il presidente Federmetano Licia Balboni – che una vera rivoluzione nella conoscenza di questo vettore energetico si possa realizzare solo attraverso un progetto culturale, che passa per una spinta alla comunicazione e al dialogo continuo con le amministrazioni centrali e locali, ma anche con i consumatori.

Occorre far comprendere che, come confermano studi accademici nazionali e internazionali, il metano è la risposta già pronta e utilizzabile, per la mobilità sostenibile”.

I primi significativi passi in direzione del cambiamento li stanno compiendo le aziende di trasporto che desiderano rispondere a esigenze proprie di attenzione all’ambiente e risparmio, ma anche alle richieste dei grandi committenti che chiedono trasporti a basso “Carbon Footprint”. A Metanauto, a illustrare le novità nella motorizzazione dei mezzi di trasporto merci interverrà Scania, che vanta un’ampia gamma di soluzioni a carburante alternativo. L’amministratore di Italscania, Franco Fenoglio, annuncia che sarà presentato “un nuovo mezzo alimentato a metano, pensato per le grandi distanze, che assicura una riduzione di CO2 del 15% con l’utilizzo di metano di origine fossile e fino al 90% se alimentato a biometano”.

Il calendario dei lavori prevede che nel pomeriggio della prima giornata, 13 novembre, il confronto sia incentrato su “ Lng e biometano: studi, progetti e case history”. Il giorno successivo si affronterà e approfondirà il tema: “Biometano, la nuova frontiera dell’ecosostenibilità”

Per il programma completo, aggiornamenti, news e approfondimenti sulla storia di Metanauto – dalla prima edizione del 1982 a oggi – federmetano.it/metanauto