Ecobonus, aperte le prenotazioni per acquistare auto green

  Carburanti, Innovazione tecnologica, Mobilità sostenibile, NEWS & INTERVISTE

Il fondo ha una dotazione di 350 milioni di euro e i contributi variano in base alla rottamazione e alle emissioni del veicolo

Al via i nuovi incentivi per acquistare le auto ecologiche, previsti dal decreto Sostegni bis. Le prenotazioni, aperte dal 2 agosto, sono attive attraverso la piattaforma del Ministero dello Sviluppo Economico (Mise). Si tratta di bonus per l’acquisto di veicoli a basse emissioni di anidride carbonica (fino a 135 g/km), con e senza rottamazione, che saranno fruibili fino al 31 dicembre, salvo esaurimento anticipato delle risorse. Possono essere richieste anche agevolazioni per i veicoli commerciali e speciali. Gli incentivi sono differenti in base alla rottamazione e alle emissioni del veicolo.

Il fondo automotive destinato all’acquisto di auto a basse emissioni di anidride carbonica è stato rifinanziato con 350 milioni di euro, grazie alla legge di conversione del decreto Sostegni bis. In particolare, 200 milioni per acquistare con rottamazione i veicoli con emissioni da 61 a 135 g/km, con un contributo di 1.500 euro; 60 milioni per usufruire dell’extrabonus, acquistando veicoli con emissioni fino a 60 g/km e con un contributo di 2.000 euro in caso di rottamazione e di 1.000 euro senza; 50 milioni per l’acquisto di veicoli commerciali e speciali, di cui 15 milioni per i veicoli elettrici (dal 25 luglio è possibile ricorrere al leasing finanziario per acquistare questa tipologia di veicoli); 40 milioni per acquistare veicoli di categoria M1 usati, con classe non inferiore a Euro 6 e con emissioni fino a 160 g/km.

Il contributo per le auto usate ammonta fino a 2.000 euro, a seconda della fascia di emissione: per ottenerlo sarà necessario rottamare una vettura immatricolata prima del gennaio 2011 o che abbia compiuto dieci anni al momento della richiesta dell’ecobonus. Per tale incentivo bisognerà attendere gli adeguamenti tecnici necessari alla piattaforma del ministero.

La procedura per le auto nuove prevede inizialmente una registrazione preventiva da parte dei venditori nell’area apposita del sito, per prenotare i contributi relativi ai singoli veicoli, ottenendo una ricevuta di registrazione della prenotazione. L’operazione deve essere confermata entro 180 giorni dalla prenotazione e il contributo viene corrisposto all’acquirente mediante uno sconto sul prezzo d’acquisto. Il venditore viene rimborsato dalle imprese che costruiscono o importano il veicolo, che a loro volta recuperano l’importo del contributo in un secondo momento sotto forma di credito d’imposta. Per i veicoli usati invece, verrà prevista una procedura diversa sulla piattaforma del Mise.